Cos'è e come funziona la magnetoterapia

Published on 11/10/2017

La magnetoterapia è uno dei mezzi fisici impiegati nella terapia fisica strumentale. Altri sono l’elettroterapia, gli ultrasuoni, la laserterapia, la diatermia ecc. La magnetoterapia consiste di un dispositivo elettronico che emette campi elettromagnetici che vengono trasferiti al paziente tramite determinati applicatori. Esistono due modalità principali di emissione di campi magnetici prodotti dai circuiti elettronici: Magnetoterapia a bassa frequenza e alta intensità (misurata in Gauss) e Magnetoterapia ad alta frequenza e bassa intensità (misurata in mW). Entrambe le tecniche producono campi elettromagnetici pulsati (elettromagnetici poiché prodotti da un circuito elettronico che genera una corrente, pulsati poiché entrambi sono emessi in frequenza e non in modalità continua). Si parla quindi di CEMP acronimo di Campi Elettro Magnetici Pulsati. La magnetoterapia agisce a livello cellulare ripristinando l’equilibrio energetico della cellula stessa. Più precisamente tutte le cellule essendo organismi viventi sono dotate di energia, nello specifico una carica elettrica che può essere compresa tra -55 e -90 mV corrispondente alla differenza di potenziale tra l’ambiente intra ed extra cellulare. Quando le cellule si ammalano, per una infezione o un trauma, o qualsiasi altra causa, perdono parte della loro carica energetica. Lo scopo della magnetoterapia è proprio quello di ripristinare la carica elettrica al fine di ripristinare l’equilibrio fisiologico della cellula. Per questo spesso si parla anche di "biostimolazione cellulare".
Tra le principali applicazioni terapeutiche troviamo: osteoporosi, fratture, cervicalgia, distorsioni, contratture muscolari, dolori lombo-sacrali, osteonecrosi, artrosi/artriti, ritardi di calcificazione, algodistrofia, epicondilite ed epitrocleite, dolori muscolari e reumatismi. 

Prima di acquistare un apparecchio di magnetoterapia, crediamo sia necessario elencare alcune utili raccomandazioni che riteniamo prioritarie nella scelta del modello corretto:

1) ESSERE CONSAPEVOLI 

Il concetto più importante è che non esiste un dispositivo in grado di accontentare tutti e tutte le esigenze contemporaneamente; la magnetoterapia migliore di tutte le altre.

Ci sono decine di apparecchiature sul mercato prodotte da svariati fabbricanti. Ogni produttore porta sul mercato la sua filosofia e caratteristiche secondo lui “uniche” rispetto a tutti gli altri.

Quella che viene definita CEMP (campi elettromagnetici pulsati) è ormai oggetto da moltissimi anni di studi che confermano che la magnetoterapia porta reali e tangibili benefici a supporto delle cura di moltissime patologie e condizioni fisiche.

I campi elettromagnetici agiscono sul corpo a livello meccanico, elettrico, chimico e magnetico, combinando insieme tutti questi fattori.

Quindi, prima di scegliere la marca, le caratteristiche tecniche ed i parametri, la cosa più importante è innanzitutto considerare:

  • Il budget di spesa che hai a disposizione
  • Il parere del tuo medico riguardo alla tua eventuale patologia e /o condizione fisica
  • Il tuo stato di salute attuale
  • Il tuo stile di vita
  • La tua storia clinica

Grazie a questo quadro completo potrai iniziare ad orientarti verso uno specifico dispositivo e marca.

2) INDIVIDUARE LE "NOSTRE REALI" CARATTERISTICHE E BISOGNI

E' necessario porsi diverse domande per discriminare sempre di più la scelta e fare quella giusta:

Hai uno stile di vita sedentario o sei uno sportivo? Hai un problema di salute cronica oppure un disagio temporaneo e localizzato in un punto specifico?

Vuoi curare solo te stesso o l’intera famiglia? Qual è la spesa massima che ti puoi permettere?

Patologie croniche hanno bisogno di stimolazioni diverse rispetto a terapie fatte per mantenere il proprio corpo in salute.

Se il tuo scopo con la magnetoterapia è quello di contribuire a mantenere uno stato di salute generale, ti consiglio di orientarti verso un dispositivo che emetta con un’intensità elettromagnetica di media potenza e che disponga di un numero minimo di programmi e frequenze. Il prezzo dovrà essere ragionevolmente più basso di quello di dispositivi di punta super professionali.

Se al contrario soffri di dolori cronici o stai affrontando patologie o lesioni molto importanti, è indicato che tu scelga un sistema in grado di fornire anche un’alta intensità terapeutica e che disponga anche di due uscite indipendenti per utilizzare contemporaneamente due applicatori in zone diverse del corpo.

Nel caso di magnetoterapia “famigliare” è importante che il dispositivo disponga di molteplici programmi, intensità e frequenze in grado di soddisfare le esigenze di tutti i membri del nucleo famigliare.

Se sei spesso in viaggio per lavoro, guidi per molte ore o sei sempre in giro per il mondo, hai la necessità di un dispositivo estremamente portatile, possibilmente in grado di funzionare anche a batteria e ricaricabile da ogni mezzo e in qualsiasi paese in cui ti trovi a viaggiare.

Se ad utilizzare la magnetoterapia sarà principalmente una persona molto anziana che non può farsi aiutare, è opportuno optare per una macchina molto semplice, con pochi pulsanti e programmi molto semplici da attivare.

Se sei arrivato fino a questo punto dell’articolo, hai capito che per determinare qual è la magnetoterapia migliore è necessario prima stabilire i tuoi bisogni, abitudini, stile di vita e condizione generale di salute.

3) COMPRENDERE LE CARATTERISTICHE TECNICHE

  • magnetoterapia per le articolazioni

Un apparecchio di magnetoterapia comprende molteplici parametri sia dal punto costruttivo che da quello dell’emissione del campo magnetico. Parleremo dei più importanti quali intensità, frequenza, numero e tipo di programmi, caratteristiche degli applicatori forniti o acquistabili separatamente.

È importante conoscere questi elementi per adattarli alle nostre esigenze e condizioni di salute, scegliendo quindi l’apparecchiatura giusta.

Intensità:

intensità magnetoterapia

A prescindere dal fatto che l’energia elettromagnetica fornita sia bassa, media o alta, la terapia sarà sempre e comunque efficace. Questo evidenzia che anche i dispositivi ad intensità inferiori, se ben concepiti, porteranno beneficio terapeutico.

Quello che invece è importante capire è che a seconda del tipo di patologia e parte del corpo da trattare, alcuni valori d’intensità risultano più adatti rispetto ad altri.

Facciamo un esempio:

Per trattamenti su particolari zone del corpo dove lo strato di cute è particolarmente spesso (es. femore) o su pazienti in sovrappeso o ad esempio nel caso di fratture e presenza quindi di gessi o tutori, un’intensità elettromagnetica troppo bassa penetrerà meno efficacemente.

Questo non limita l’effetto terapeutico, ma richiede semplicemente un tempo maggiore di trattamento per ottenere il medesimo risultato di una terapia fatta ad intensità più alta.

Frequenza:

È importante sapere e ricordare che anche se esistono sul mercato apparecchi che utilizzano gamme di frequenze molto diverse tra loro, il principio curativo della terapia è comunque lo stesso ed efficace.

La magnetoterapia a bassa frequenza applica un campo magnetico con intensità solitamente medio alte ma a frequenze appunto basse (massimo 150 Hz) e risulta particolarmente indicata per la cura dei tessuti duri e i ritardi della calcificazione ossea (osteoporosi, fratture, recupero post operatorio per impianti protesici, ecc.).

È indicata anche per la terapia del dolore e in generale per ristabilire il corretto equilibrio funzionale delle cellule. Risulta pertanto efficace anche nel trattamento dei tessuti molli.

La magnetoterapia ad alta frequenza si basa sull’emissione di piccoli “pacchetti” di onde radio ad alta frequenza (tra i 18 e i 900 MHz) ma a bassa intensità, che risultano particolarmente indicate per la cura di patologie a carico dei tessuti molli.

Anche in questo caso, si è dimostrata efficace per la terapia del dolore.

In linea generale, indipendentemente dalla tecnologia, per una buon acquisto sarà sufficiente assicurarsi che il dispositivo fornisca programmi con frequenze impostabili o dedicate che rispettino le indicazioni dello specialista o della letteratura di settore.

Applicatori:

L’intensità del campo magnetico si riduce sensibilmente all’aumentare della distanza dalla zona da trattare, motivo per cui la condizione ideale è quella di contatto tra la sorgente che emette e la pelle del paziente.

Rispetto al passato, gli applicatori per magnetoterapia attualmente in commercio sono ormai molto comodi ed adatti alle più svariate modalità di terapia.

Uno degli elementi più importanti è quindi prima di tutto la vestibilità dell’applicatore stesso, il quale una volta indossato deve essere saldamente ancorato sulla parte da trattare, senza però risultare troppo scomodo o addirittura doloroso per il paziente.

Un esempio di applicatore molto valido è quello costituito da due o tre solenoidi inseriti all’interno di fasce elastiche regolabili, che permettono di essere agilmente adattate alla maggior parte delle zone periferiche del corpo.

Per trattamenti definiti “total body” che richiedono un trattamento distribuito su tutto il corpo, esistono tappetini magnetici o addirittura materassini con diversi solenoidi al loro interno in grado di emettere il campo magnetico su una superficie molto vasta.

In questo caso, tra i migliori, vi sono quelli che forniscono un’emissione su tutta la superficie, o che in alternativa, permettono di spostare i solenoidi al loro interno a seconda delle zone da trattare.

Così, l’applicatore fornisce una comoda superficie piana e in più, dove i solenoidi sono removibili, favorisce anche la manutenzione dello stesso in caso di guasto.

Per applicazioni che necessitano invece di alte intensità terapeutiche, esistono solenoidi indipendenti e fisicamente più grandi. Questi garantiscono un trattamento ad alta intensità a contatto con la parte da trattare, evitando però il surriscaldamento a cui sarebbero soggetti applicatori con avvolgimenti più piccoli.

Gli applicatori più usati in passato (ma ancora in commercio) erano i cilindri elettromagnetici. Spesso di dimensioni molto grandi venivano installati su dei lettini dove il paziente si stendeva per fare la terapia. Il loro grande limite era dato dall’intensità molto bassa del campo emesso principalmente a causa della distanza dalla superficie da trattare.

Una valida alternativa sono i cilindri di nuova concezione, molto più piccoli del passato, che permettono il trattamento delle zone periferiche del corpo, garantendo un adeguata erogazione in termini di potenza del campo magnetico.

4) VALUTARE SE ACQUISTARE O NOLEGGIARE UN APPARECCHIO

Alcuni fabbricanti hanno scelto di fornire le loro apparecchiature in modalità di noleggio. Anche alcuni centri fisioterapici, acquistano e poi noleggiano le apparecchiature ai loro pazienti.

Anche se generalmente le magnetoterapie moderne sono molto robuste, è importante assicurarsi che i dispositivi e gli accessori affittati siano manutenuti e igienizzati costantemente. Non possiamo sapere chi ha utilizzato l’apparecchiatura prima di noi, perciò è sempre meglio farsi qualche scrupolo in più.

Solitamente, se il paziente lo chiede, viene data la possibilità di riscattare l’apparecchiatura, scontando parte della cifra spesa per l’affitto.

Quindi è meglio noleggiare o acquistare direttamente il dispositivo?

A prescindere dal budget che si ha a disposizione, esistono ottime magnetoterapie in commercio che costano mediamente meno della cifra necessaria per un ciclo di noleggio.

Con una spesa inferiore avremo quindi un’apparecchiatura nuova che, se tenuta correttamente, durerà moltissimi anni.

In molti casi poi è necessario un uso continuativo della magnetoterapia, motivo per cui sarà quindi indispensabile e meno oneroso acquistare direttamente quella più adatta.

Alcuni esempi che richiedono una terapia continuativa sono le patologie croniche (es. artrosi), Osteoporosi, patologie resistenti (es. algodistrofie) e molte altre.

Nel caso abbiate deciso di prendere a noleggio un apparecchio per magnetoterapia, potete rivolgervi al nostro negozio di Via Antonio Serra 53 Roma, dove potete trovare sempre a disposizione un'ottima scelta di modelli. Il negozio è posizionato a Roma Nord in zona Fleming. La consegna dell'apparecchio può avvenire sia a domicilio che direttamente in negozio su appuntamento.  

Se invece avete  deciso di acquistare un apparecchio per magnetoterapia troverete sul nostro sito www.cromortopedia.it un'ampia gamma di prodotti per magnetoterapia con sconti fino al 40%.

Tutti gli apparecchi messi in vendita  sono marchiati CE  e presentano una garanzia di legge di 2 anni.

 

Per saperne di più visita la categoria apparecchi per magnetoterapia

newpocketemavit magentoterapia

Per maggiori informazioni: 

Telefono: 0633218729

Whatsapp: 3248081778

Sito internet:

www.noleggioausiliospedalieri.it 

www.cromortopedia.it

Mail: crom@crom-ortopedia.it